Ven22112019

Padania.org online: Ultime notizie

Back Politici Marco Reguzzoni Iniziativa del Tribunale Criminale Internazionale per il Ruanda su razzismo, dis

Iniziativa del Tribunale Criminale Internazionale per il Ruanda su razzismo, dis

Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

 

Il Cancelliere dell’ICTR (Tribunale Criminale Internazionale per il Ruanda), Mr. Adama Dieng (Senegal), ha rivelato una serie di iniziative per promuovere la tolleranza nei posti di lavoro del Tribunale e individuare presunte o potenziali questioni di razzismo, discriminazione razziale e intolleranza Il Cancelliere dell’ICTR (Tribunale Criminale Internazionale per il Ruanda), Mr. Adama Dieng (Senegal), ha rivelato una serie di iniziative per promuovere la tolleranza nei posti di lavoro del Tribunale e individuare presunte o potenziali questioni di razzismo, discriminazione razziale e intolleranza. Queste misure verranno adottate nello spirito e nel contesto degli sforzi delle Nazioni Unite per eliminare il razzismo e i relativi difetti.

Come noto, il Tribunale ha fatto una dichiarazione venerdì 7 settembre, in occasione della Conferenza Mondiale contro il razzismo, la xenofobia, e la relativa intolleranza, indetta dalle Nazioni Unite a Durban, Sud Africa. In quella dichiarazione l’ICTR ha fatto rilevare che il suo mandato è quello di dispensare giustizia per i crimini di massa, comprendenti il genocidio e i crimini contro l’umanità che sono avvenuti in Ruanda nel 1994. Questi crimini erano motivati da ideologie razziste, discriminazione etnica e intolleranza. Nella dichiarazione si afferma che, consegnando alla giustizia coloro che sono accusati di tali crimini, l’ICTR sta contribuendo alla lotta globale contro il razzismo e i suoi sinistri mutamenti e va promovendo una cultura di responsabilità individuale per i crimini derivanti dall’odio.
La dichiarazione ha anche riconosciuto la responsabilità del Tribunale di promuovere la tolleranza entro il suo stesso posto di lavoro, che è multietnico e multiculturale.

www.octr.org


Fonte: www.goodnewsagency.org

Purtroppo non hai il permesso di inviare commenti. Sei stato bloccato.